Identità / alterità Blog

olbios ostis tes istorias esche mathesin (Euripide fr. 910) – Paolo Randazzo

Archive for aprile 2015

Quando l’indecenza si veste di colori caldi.

Posted by identitalterit su 7 aprile 2015

Quando uno spettacolo “funziona” lo si può raccontare anche soltanto a partire da un particolare, da una parte, da un segmento di esso, anzi certe volte è anche meglio raccontarlo dai particolari perché è in essi che si nasconde, magari inconsapevolmente e quindi ancor più direttamente, il senso profondo dell’intera operazione. Parliamo de “L’indecenza”, lo spettacolo diretto da Giampiero Borgia che, prodotto dallo Stabile di Catania, s’è visto a Catania nello spazio della scuola di teatro “Umberto Spadaro” dentro il bellissimo Cortile Platamone, dal 20 marzo al 4 aprile: il testo è ben ridotto drammaturgicamente da Rosario Castello a partire dall’omonimo romanzo di Elvira Seminara, in scena ci sono Valeria Contadino (convincente nel ruolo della moglie, donna sofferente per una maternità frustrata e, benché fragile, portatrice di una sicura eleganza di classe, un’eleganza che non cede nemmeno quando nel parlare lascia cadere un bellissimo accento catanese, un vezzo da signora più che un difetto), David Coco (il marito di mezza età ma ancora aitante, anche lui molto convincente), Elena Cotugno (Ludmila, la giovane cameriera ucraina), i costumi e le scene sono di Giuseppe Avallone. CBHFUlSWEAAWuEgInteressante nello spettacolo è intanto la scelta di posizionare il pubblico ai due lati opposti di una grande scena quadrangolare; tra la scena e i due segmenti del pubblico ci sono solo due teli di rete velata che lasciano vedere/spiare quanto accade senza che gli attori possano a loro volta vedere il pubblico: il regista, d’altronde, dichiara apertamente di voler attribuire al pubblico un’attitudine o un’intenzione voyeuristica, la quale poi fa gioco perfettamente con quanto succede nello spettacolo. E in scena quel che accade è il lento ma inesorabile deflagrare di una situazione di crisi in una coppia alto-borghese che sta attraversando il lutto per l’interruzione di una gravidanza, una gravidanza probabilmente assai desiderata: a far da detonatore di questa dolorosa situazione l’arrivo in casa di Ludmilla, una giovane cameriera ucraina (o comunque proveniente dall’Est Europa) che, con la sua vitale sensualità, semplice certo e persino sgraziata eppure prorompente, mette i due coniugi di fronte alla consapevolezza dell’abisso di sterilità sentimentale, intellettuale e morale prima che fisica, in cui si trovano: il marito prova a reagire, cerca di ritrovare una dimensione di normalità, si orienta al principio di realtà, infine si lascia tentare dalla vita e soprattutto dalla vitalità di Ludmila, la moglie, anche lei misteriosamente attratta da quella ragazza (ma il significato di questa attrazione apparirà chiaro alla fine dello spettacolo), scivolerà nella follia e imprimerà alla pièce una violenta e irredimibile torsione tragica. Ma, a raccontarla così, questa tragedia non si percepisce in tutta la sua energia e nella sua necessità, occorre piuttosto metterla a fuoco a partire da un particolare di essa e, in questo caso, val forse la pena di soffermarsi sulle scenografie di Avallone: scene che riproducono una bellissima casa borghese, un vasto open space che include una grande terrazza probabilmente aperta sui tetti della città.valeria-contadino-elena-cotugno

Ed ecco i colori caldi, le piante, i legni, le pietre, le suppellettili, le coperte preziose, i grandi cuscini, gli specchi enormi, le stoviglie preziose, gli abiti comodi, i tappeti, gli arazzi, i vetri intarsiati, gli oggetti poveri ma assemblati con gran gusto e presi al mercatino delle pulci, le cassapanche di una volta, i tanti libri, le sedie d’epoca e tutte diverse tra loro, le piante maestose e da curare amorosamente: il tutto in un affascinante understatement mediterraneo che appare tanto caloroso, raffinato e esteticamente coltivato, persino snob, quanto simmetricamente opposto rispetto al gelo spaventoso delle relazioni umane che in quell’ ambiente si dispiegano. Tutto in quella casa sembra vivere e invitare all’amore, al relax, alla bellezza, ma nessuno dei due coniugi sa più viverla davvero quella dimensione, nessuno dei due sa trovare la voglia, la forza, la vitalità per recuperare e rivivere quel desiderio; e allora tutto diventa spettrale e privo di vita. La moglie forse è ancora innamorata del marito ma, più probabilmente, il suo cercarlo appare motivato dal desiderio di ripercorrere un’altra volta la via della maternità e chiaramente questo non basta a riaccendere il rapporto amoroso. Il tutto è inoltre rispecchiato nell’evolversi della personalità di Ludmila (in questo evolversi del personaggio però la Cotugno non appare sempre del tutto credibile): man mano che si rende conto del potere che ha in quella situazione, Ludmila cambia, acquisisce sicurezza, usa anche lei la ricchezza di quella grande casa, la usa come indossa i vestiti della signora, prova lei a dominare il gioco in cui l’hanno attratta e che diventa sempre più torbido, pericolosamente scoperto, indecente. Tuttavia, quella di Ludmila, resta una pulsione di vita, una passione per la vita che non può infine che cedere il passo ed esser sconfitta dalla tragica, disumanata, aridità di quanto le succede intorno. Spettacolo da non perdere.

L'indecenza - insieme

 

Paolo RANDAZZO

Link da Rumor(s)cena.

 

Annunci

Posted in Arte estetica, teatro | Leave a Comment »

Se l’amore è in frammenti

Posted by identitalterit su 7 aprile 2015

CATANIA – Un pezzo di danza pura, pulita, sostanzialmente creata solo per quella necessità di creare che è l’invidiabile dono degli artisti: riferiamo questa volta di “Frammenti di un discorso amoroso” della compagnia siciliana Petranura danza” (coreografia e regia di Laura Odierna e Salvatore Romania); on stage lo stesso Romania insieme con la giovane Valeria Ferrante, mentre le musiche sono suonate dal vivo, con quella straordinaria e antica tipologia di viola che va sotto il nome di “ribeca”,  da Michele Conti  e, nell’ultimo segmento dello spettacolo, un canto eseguito ancora dal vivo da Franco Cantarrì. Lo spettacolo in questione si è visto a Catania, nello spazio di Scenario Pubblico, domenica 22 marzo. Danza pura dunque, anche se non può esser sottaciuto il motivo ispiratore di questa coreografia: ovvero il richiamo, esplicito persino nel titolo, al celeberrimo e sempre affascinante saggio omonimo di Roland Barthes. Un saggio che dichiaratamente non esplora le radici psicologiche dell’amore, ma ne rappresenta e interpreta la fenomenologia proprio per mezzo di parole (le parole dell’amante) e di figure che s’inseguono e parlano proprio come nella danza.

Il tema è l’amore, l’amore affrontato in quella dialettica “io/noi” in cui la relazione, la coppia, la somma di due individualità (due io), risulta essere sempre superiore e diversa a due: ne risulta che, se ognuno è attratto dalla dimensione di coppia ne è anche, allo stesso momento, intimorito e nel profondo estraniato. Questi motivi, e molti altri che da essi dipendono direttamente e indirettamente ( come la beatitudine e l’inquietudine, il desiderio della totale simbiosi e la paura dell’ annullamento nell’altro, la strutturale precarietà e il bisogno di sicurezza, la forza e la fragilità, l’estasi e la noia), vengono dunque tradotti in danza, dispiegati in un percorso ben delineato (dalla fase iniziale in cui l’amore è malia ed entusiasmo al suo svilimento, dal suo trasformarsi in passione triste e risentimento al desiderio del suo ritorno) e resi con un linguaggio coreografico che li esplora, li trasforma continuamente in figure e in un continuo gioco di forze di attrazione e repulsione. Un linguaggio coreografico che diviene, col passare del tempo e di spettacolo in spettacolo, sempre più netto, denso, interessante ed autonomo.

frammenti romania 3

Paolo Randazzo

Link da Rumor(s)cena.

Posted in Arte estetica, Danza | Leave a Comment »