Identità / alterità Blog

olbios ostis tes istorias esche mathesin (Euripide fr. 910) – Paolo Randazzo

Archive for the ‘Bibbia’ Category

LA LETTERA DI PAOLO AI ROMANI. Lettura di DANIEL ATTINGER

Posted by identitalterit su 19 ottobre 2015

 

Posted in antropologia, AUTORI ANTICHI, Bibbia, religioni/spiritualità | 1 Comment »

Sira

Posted by identitalterit su 1 febbraio 2015

C’è in “Sira”, l’ultimo spettacolo di Tino Caspanello, una scena in cui i due personaggi della piéce si affrontano fisicamente, lottano con vigore: è una scena teatralmente difficile e potente che, benché sia sapientemente preparata dal climax in cui si dispiega tutta l’azione drammatica, è capace di sorprendere per autenticità e forza di verità. Da che cosa nasce la forza di questa scena e, conseguentemente, la forza di questo lavoro? Dal fatto che essa esplode proprio nel momento in cui ambedue i personaggi rivelano definitivamente il loro essere reciprocamente e contemporaneamente vittima e carnefice l’uno dell’altro. Lo scontro a quel punto diventa necessario e ciò che accade subito dopo è l’altrettanto necessario modificarsi della sostanza umana di quelle figure. Sembra di trovarsi davanti a una perfetta lezione di teatro, a un saggio da manuale di come debba funzionare una buona drammaturgia e certo non è il caso qui di fare citazioni, più o meno colte, a sostegno di queste affermazioni. Lo spettacolo si è visto nella sua forma definitiva domenica sorsa, 25 gennaio, a Messina, nella bellissima ex Chiesa di Santa Maria Alemanna, nel contesto della rassegna “Atto unico” organizzata da Auretta Sterrantino e Vincenzo Quadarella: in scena oltre allo stesso Caspanello (drammaturgo e attore) c’è Tino Calabrò, mentre la regia (pulita, lineare, senza sbavature patetiche) è curata da Cinzia Muscolino. Ad un incrocio qualunque di una qualunque città (lo spazio scenico è realizzato al centro della chiesa e il pubblico lo circonda ai quattro lati) un giovane killer (Calabrò) al suo primo omicidio attende nervosamente d’incontrare la vittima (Caspanello), la sua mano è stata armata dal suo stesso padre che, prima che l’azione cominci, si accerta telefonicamente che il giovane sia pronto e tutto proceda secondo i piani. Al verificarsi dell’incontro il progetto omicida salta immediatamente: la vittima, un professore di scuola divenuto in seguito un giornalista d’inchiesta, è ben consapevole che prima o poi, in conseguenza di una sua inchiesta (relativa ad una strage di mafia), quell’incontro si sarebbe verificato ed è pronto ad affrontare con coraggio il suo destino. E però scopre di conoscere quel ragazzo che lo attende per ucciderlo: è un suo ex alunno, intellettualmente dotato ma eccessivamente introverso e affatto motivato allo studio. Il padre di quel giovane è, con certezza, l’esecutore o il mandante della strage di mafia e il professore-giornalista sa bene che, prima o poi, gli avrebbero fatto pagare con la vita il coraggio dei suoi articoli. Il dialogo che scaturisce è serrato: il giovane killer, di fronte al suo ex professore, perde la determinazione omicida e, riconosciuto (il professore ne ricorda persino il soprannome: ‘U scuru), si pone nella condizione di poter essere denunciato o persino ammazzato; il professore-giornalista, dal canto suo, non può rovinare (né tantomeno uccidere) quel ragazzo per la cui educazione in passato si è tanto impegnato; nessuno dei due è insomma nella condizione che portare a termine quanto deve, ma nessuno dei due può o vuole nemmeno arretrare. La tensione drammatica aumenta fino al compiersi dello scontro fisico, simbolico certo, ma duro e decisivo di cui si è detto sopra. Nessuna morale della favola però, nessun moralismo d’accatto: soltanto puro teatro e lo schianto di due vite destinate a scontrarsi, anche loro malgrado. C’è in tutto ciò quanto basta per poter dire senza esitazioni che si tratta di uno spettacolo da vedere, ma c’è un altro elemento che proietta una luce ulteriore su questo lavoro e lo rende interessante: prima di iniziare lo spettacolo, Caspanello legge un lungo pezzo del Qoelet biblico. Non viene citata esplicitamente la fonte del brano, ma esso è abbastanza riconoscibile nella sua inconfondibile eco sapienziale. Perché questa scelta così impegnativa? È difficile ricostruire il percorso intellettuale e creativo che ha portato Caspanello a porre questo spettacolo all’ombra di una citazione/epigrafe così importante e misteriosa, ma appare evidente (e in questa prospettiva trovano posto possibili consonanze qoeletiche) che lo spettacolo, nel sovrapporsi e nel continuo intrecciarsi delle due prospettive di vittima e carnefice, di male compiuto e di male subito, riflette non soltanto sulla perfetta dinamica teatrale che lega i due personaggi, ma sullo stesso mistero dell’uomo che, nel più totale silenzio di Dio o nell’assenza di qualsiasi dimensione di senso, è capace di ogni abiezione e di ogni nobiltà.

Paolo Randazzo

Link da Dramma.it.

Posted in Bibbia, teatro | Leave a Comment »

Indagine sulla fede di Giuseppe Ruggieri

Posted by identitalterit su 12 novembre 2014

Il grande teologo propone un percorso nella storia del racconto dell’Incarnazione di Cristo e del suo dispiegarsi tra mille contraddizioni
Indagine sulla fede di Giuseppe Ruggieri

Giacobbe non indietreggiò, non fu sconfitto e chiese e ottenne anzi dall’uomo misterioso d’esser benedetto. Da quel momento il suo nome fu cambiato in “Israele”, ovvero colui che ha lottato con Dio. Don Giuseppe Ruggieri, tra i più insigni teologi del cattolicesimo contemporaneo, su questo racconto e quasi a partire da esso, ha costruito il suo ultimo saggio Della fede. La certezza, il dubbio, la lotta edito da Carocci.

cover ruggieriUn saggio di grande valore nel quale il teologo affronta il tema della fede cristiana a partire dalla presenza nella storia dell’uomo di un racconto, quello della tradizione ebraica e poi cristiana, che è fondante e, in Cristo, aperto al futuro nell’attesa e nella certezza dell’evento messianico.

Un racconto/evento che però resta eccedente rispetto all’umana capacità di comprensione e che, in questa eccedenza, implica la “lotta” con esso mentre al contempo è capace di assumere positivamente l’altro nella sua assoluta alterità.

Il percorso che Ruggieri propone, senza astrarlo dalla sua personale e complessa vita di fede, è solido e ben ordinato: dalla sostanza storica e non mitologica del racconto al dispiegarsi millenario e fluido del racconto ebraico, dall’Incarnazione di Cristo, in tutta la sua centralità nel contesto del racconto che si apre al futuro, a Paolo di Tarso, dallo spazio del racconto che si apre tra Dio e l’uomo (sia Dio che l’uomo diventano «spazio» l’uno dell’altro) a quell’eccedenza d’amore che rende il racconto cristiano capace di convivere nella pace con gli altri racconti fondanti dell’umanità e rende colui che lo accoglie nella vicenda della propria esistenza, colui che possiede la grazia della fede, capace di accogliere la benedizione di Dio (che è certa), capace di restare uomo fine in fondo senza farsi imprimere il “marchio della bestia”.

Sono straordinarie, in questa sezione, le pagine in cui, leggendo San Paolo, il teologo chiarisce quello che è il problema centrale di questo saggio (anche di questo saggio, dopo il precedente La verità crocifissa), ovvero il rapporto con l’alterità: «…E, nella “mia” lotta personale questo mi si rivela non solo come il nodo centrale della mia esistenza, ma come il problema vero dell’umanità, del suo destino e della sua salvezza. Giacché nel rapporto con l’altro, non solo a livello individuale ma anche collettivo, viene alla luce il senso del Dio di Gesù di Nazareth e quindi il senso ultimo del racconto cristiano».

Si tratta di una vicenda enormemente complessa, intrecciata di santità e sangue versato, di chiusure e di meravigliose aperture, che l’autore sa consegnarci nel suo tragico dispiegarsi, nella fatica e nelle mille e mille contraddizioni della storia della Chiesa: ovvero nel rapporto con gli ebrei e coi pagani, nella nascita del dogma, nella preghiera, nelle smentite del racconto stesso (la fascinazione del denaro, l’accettazione e la razionalizzazione della guerra, l’alleanza col potere, il farsi esso stesso potere e cultura), nell’opera inesausta e inesauribile del custode del racconto (l’eucarestia, che rende attuale il racconto come evento di libertà, il canone degli scritti sacri, che è insieme plurale e unitario, e i poveri che del racconto sono gli eredi privilegiati).

E tuttavia se pure questa vicenda storica risulta assai complessa, ben più misteriosa appare la presenza e l’operatività del racconto nel presente della modernità e della postmodernità, quando la certezza dell’autorità del racconto, della sua verità fondante, viene a scontrarsi con la crisi prima e poi con la definitiva caduta di ogni autorità che sia esterna al soggetto: il tema, che resta centrale nella sua bruciante attualità, è la presenza scandalosa dell’altro che rifiuta di corrisponderci, di accomodarsi a noi e che pure nel racconto resta destinatario certo di benedizione.

Ruggieri utilizza a questo punto la categoria dell’Hypomoné: non solo “pazienza” o “perseveranza”, ma, seguendo quasi la lettera dell’etimologia greca, “restar sotto” e quindi sostenere, farsi carico comunque.

«Chi spera nel futuro del carico che porta, non lo getta via e non lo abbandona, ma ci resta sotto. Hypomoné è l’atteggiamento dettato dal racconto al cristiano che spera, per tutti gli uomini e le donne che gli è dato di incontrare, e per tutte le cose che gli è dato di sperimentare, la pace, la gloria e la bellezza della creazione trasfigurata, che accetta quindi, facendosene carico, di portare a loro diversità rispetto al regno, in un’agonia affettuosa che tiene compagnia al Cristo, come diceva Pascal, fino alla fine del mondo».

Paolo Randazzo

 

Link da Europa

 

Posted in antropologia, approfondimenti/studi, AUTORI CONTEMPORANEI, Bibbia, filosofia, religioni/spiritualità, storia, storia/politica | Leave a Comment »

Ebraismo, il dizionario “innamorato” di Attali

Posted by identitalterit su 27 gennaio 2014

Conoscere per non dimenticare: un saggio ricco di informazioni culturali, storiche e teologiche, filtrate dall’esperienza personale del poliedrico economista.

muro-del-pianto

Oggi, mentre leggiamo sui giornali di odiose e oscene provocazioni negazioniste indirizzate alla comunità ebraica di Roma, si confermano come urgenti e necessari per il vivere civile e per la stessa sopravvivenza di ciò che chiamiamo Occidente i doveri della memoria e della conoscenza.

Doveri che includono e superano quello di ricordare la Shoah e a cui risponde, con acume e affettuosa leggerezza, Jacques Attali, l’economista socialista, consigliere di stato e banchiere francese che ha legato tra l’altro il suo nome alla commissione speciale per lo sviluppo voluta nel 2007 da Sarkozy, col suo Dizionario innamorato dell’ebraismo (Fazi editore): «Da parte mia io, nato ebreo nell’Algeria francese appena liberata dai nazisti e dai loro tirapiedi francesi grazie allo sbarco delle truppe americane, nel momento in cui tanti altri morivano in Europa, avrei potuto dimenticare me stesso, scomparire nella società francese come hanno fatto tanti israeliti francesi il cui ebraismo non è oggigiorno una dimensione ingombrante della loro personalità. Io ho scelto di non farlo. (…) Perché credo che ciascuno debba render conto di ciò che ha ricevuto e debba trasmetterlo (…) e anche perché il giudaismo è inseparabile dalle persone che mi sono più care e ho il dovere di essere leale nei loro confronti, di trasmettere ciò che ho ricevuto da loro».

Bastano queste poche righe della corposa e densa introduzione a questo libro per capire il senso delle cose di cui si parla: ovvero il dovere (dovere di tutti e per tutti gli uomini liberi) di non dimenticare la vicenda millenaria e le tragedie dell’ebraismo e di conoscerle concedendo spazio e ascolto ai racconti che di esso si fanno e che innervano la nostra cultura.Attali copertina

Racconti che tuttavia, non sono soltanto mitologia culturalmente fondativa, ma hanno sempre avuto, e continuano per altro ad avere, il pregio di un’affettività interna che tramanda efficacemente il senso di una grande comunità che ha sofferto ma continua a mantenersi salda nei suoi principi.

Ecco perché dizionario “innamorato”: perché non si può parlare davvero, con autenticità e senza luoghi comuni e banalità, se non di ciò che si ama. Ed ecco perché le pagine di questo libro sono interessanti: perché non trasmettono soltanto informazioni (le principali istituzioni culturali e cultuali dell’ebraismo nonché le storie degli eroi biblici e dell’intera storia giudaica), ma raccontano il senso di una cultura che malgrado tutto ha superato di secolo in secolo la minaccia del male, il rischio di scomparire e s’è preservata nel calore di una straordinaria e tormentata fedeltà amorosa.

Nel raccontare del biblico Qoelet e del dovere dell’uomo di confrontarsi col tempo, Attali conclude: «(…resta da) imparare ad accettarsi come un anello nella catena della storia della specie, con l’onere di trasmettere alle generazioni successive un mondo un po’ migliore da quello ricevuto dai nostri padri».

Paolo Randazzo

Link da Europa

 

Posted in antropologia, AUTORI CONTEMPORANEI, Bibbia, geopolitica, letterature, religioni/spiritualità, scuola varia, storia | Leave a Comment »

Le radici dell’ebraismo di padre in figlia

Posted by identitalterit su 10 dicembre 2013

Amos OZ e Fania SALZBERGER, “Gli Ebrei e le parole”,

Feltrinelli, 2013, pp. 237.

“Gli ebrei e le parole” di Amos Oz e Fania Oz-Salzbeger, edito in Italia da Feltrinelli, è un libro che, a una lettura superficiale, può persino infastidire tanto è zeppo di storie, vicende, racconti, aneddoti, witze, episodi e personaggi storici, figure bibliche e/o più o meno mitiche. Poi però occorre ragionarci su, mettere a fuoco il filo che tiene insieme questa abbondanza di storie ed allora, già a partire dalla doppia prospettiva (storica e meta-testuale) da cui si dispiega, esso assume un senso fecondo e capace di parlare anche a lettori non ebrei. L’assunto è chiaro ed è esposto con nettezza sin dall’inizio: quella degli ebrei non è una tradizione basata su un continuum etnico o politico, su un’identità culturale (o religiosa) forte, gelosamente custodita e rivendicata, no, quella ebraica è una cultura “testuale”. «La continuità ebraica si fonda da sempre su parole dette e scritte, su un labirinto di interpretazioni, dibattiti e dissensi in continua espansione, su una relazione umana unica – si legge ad apertura di volume -. In sinagoga, a scuola, ma soprattutto a casa ha coinvolto attivamente nel dialogo due o tre generazioni. La nostra è una lingua non di sangue ma di testo». ozDetta così la faccenda è abbastanza semplice e la miriade di storie (attinte dalla Bibbia anzitutto, ma anche da ogni epoca, contesto e segmento dei tre millenni di storia ebraica) che, con competente e divertita leggerezza, vengono riproposte dai due autori sembra star lì a dimostrare l’assunto. Storie che, per altro, vengono declinate su quattro versanti di senso: il continuum testuale della cultura ebraica, la rilevanza in essa della presenza femminile, la concezione (o, meglio, le concezioni) del tempo e il rapporto tra individuo e comunità. Ma, come si diceva, è la prospettiva che rende interessante l’operazione, o, meglio l’incrociarsi dialogico di due prospettive: Oz è un narratore, Fania Salzberger, sua figlia, è una storica ed è appunto l’incrociarsi continuo, fluido e consapevole di queste due prospettive («il narratore di noi due… lo storico di noi due») a far sì che questo libro offra al lettore una bellissima e nient’affatto ingenua riflessione sul senso della storia e delle identità culturali che nella storia si sono sviluppate e continuano a svilupparsi. In qualche modo viene in mente Aristotele laddove distingueva tra la narrazione dello storico, legata alla comprensione, all’interpretazione e al racconto di una vicenda particolare, e la narrazione d’arte, che è “cosa più filosofica” (philosophoteron) perché nel raccontare guarda al senso universale delle vicende storiche. Ecco, nel progredire di questo dialogo tra lo scrittore e la storica, il particolare della storia ebraica, compresa la sua millenaria fedeltà a un patrimonio di racconti che si ripropongono e rinnovano, e l’universale di un atteggiamento di apertura critica (talvolta persino iper-critica e petulante), ad ogni possibile interpretazione e contestazione sembra suggerire che l’identità ebraica può definirsi, oltre che come identità testuale, come coscienza critica (laica e liberale) di un mondo che, per sopravvivere e prosperare in pace, deve (ancora e continuamente) liberarsi da ogni tentazione assolutistica.

PAOLO RANDAZZO

LINK DA EUROPA

Posted in antropologia, AUTORI CONTEMPORANEI, Bibbia, estetica, filosofia, scuola varia, storia/politica | Leave a Comment »